Consigli

Idee per ristrutturare

Paraschizzi: gli #Atips dell’Arch. Alberto Vanin

Paraschizzi: gli #Atips dell’Arch. Alberto Vanin

Ci sono tantissimi nomi per chiamarla e i più comuni sono fascia di tamponamentoschienale cucinaparaschizzibacksplash. Tutti questi termini vanno ad indicare quella parte molto importante della cucina e quasi sempre sottovalutata: il rivestimento dello spazio compreso tra pensili e top. Molte volte capita che si pensi a questa zona verso la fine dei lavori senza darvi troppo peso invece è una componente della ristrutturazione che va pensata fin da subito nella fase di progettazioni in quanto ha un ruolo importante. Il rivestimento della parete dietro la zona operativa, che include fuochi e lavello, oltre a risultare d’effetto ed esteticamente curata, come tutto il resto, deve rispondere ai requisiti fondamentali di igiene, durata e funzionalità.

 

fascia di tamponamento, schienale cucina, paraschizzi, backsplash

 

Lo “schienale” cucina è un importante elemento di arredo. Nonostante ultimamente la forbice di scelta sia davvero molto ampia, la sua scelta non è cosa semplice. Esistono infatti un’infinita di opzioni che spaziano dalle ceramiche (di diversa tipologia, colori e decorazioni) ai pannelli in materiali plastici, dalle pitture idrorepellenti al vetro passando per alluminio e pellicolati in pvc. In questo articolo andremo a capire quali sono i requisiti fondamentali per poter scegliere una fascia di tamponamento senza sacrificare nessun importante aspetto.

I due punti fondamentali che prenderemo in esame saranno:
-Estetica e design
-Praticità d’uso, igiene e durata

 

fascia di tamponamento, schienale cucina, paraschizzi, backsplash

Estetica e design.

Lo schienale cucina è oggi considerato un accessorio di design fondamentale per catturare lo sguardo di chi vive la casa e degli ospiti. La sua scelta deve tener conto anche delle esigenze estetiche e di stile, il colore e la personalità dell’immobile stesso. Aspetto molto importante per la scelta del materiale e il colore deve essere la sintonia con i colori della cucina. In questo periodo sono molto attuali i rivestimenti dall’aspetto minimal, privi di decorazioni ed essenziali. Il paraschizzi in laminato plastico è pratico e funzionale e può essere stampato o serigrafato. Le cucine che adottano queste soluzioni sono caratterizzate dalla continuità di materiale tra il piano di lavoro e lo schienale della cucina per dare un effetto coerente e di continuità.

Soluzioni di rivestimento dello schienale in continuità con il top cucina sono proposte anche nei diversi materiali con cui si può realizzare il piano di lavoro. Interessanti sono le soluzioni realizzate con il vetro temperato, le quarziti, il corian, il laminam, ovvero il gres porcellanato in lastre continue, e perfino con il legno trattato.

Il vetro temperato è facilmente lavabile e molto igienico, non si macchia ma è molto delicato e si graffia facilmente. Esistono poi anche soluzioni, sempre in vetro, che hanno una lastra d’acciaio sul fondo per permettere il posizionamento di utensili sfruttando l’effetto calamita. Anche l’acciaio è un ottimo rivestimento in termini di pulizia e igiene ma rimane una superficie molto “difficile” da mantenere pulita e ordinata.

fascia di tamponamento, schienale cucina, paraschizzi, backsplash

Praticità d’uso, igiene e durata.

La cucina, specialmente se molto sfruttata, è un luogo nel quale lo sporco regna sovrano e può depositarsi facilmente. Gli schizzi di cibi facilmente potrebbero arrivare sulla superficie verticale e per questo motivo sarebbe meglio preferire rivestimenti che non abbiano troppe fughe dove lo sporco può annidarsi e da dove è difficile rimuoverlo.

Materiali lisci e di ampia copertura sarebbero da preferire perché pratici nell’uso quotidiano e facili da pulire. Mentre mosaici, piccole piastrelle in ceramica e pietre molto frastagliate, sono più difficili da mantenere impeccabili. Il rivestimento dello schienale cucina, come il piano di lavoro, perché possa durare a lungo, deve essere anche resistente ai prodotti che vengono utilizzati giornalmente per la sua pulizia.

Come ultima informazione voglio darvi una panoramica della varie tipologie di materiali utilizzati per rivestire la superficie verticale delle cucine:
Piastrelle in ceramica smaltata
Grés porcellanato
Resina
Pitture Idrorepellenti
Pvc e plastificati
Acciaio stampato con una lastra plastificata
Carta da parati in fibra di vetro

 

fascia di tamponamento, schienale cucina, paraschizzi, backsplash

Pubblicato il 01 Luglio 2020