Reimposta password

header_image
Your search results

NEWS


HomeKit: La domotica firmata Apple

La mela entra in casa: non è solo un bizzarro modo di dire, Apple ha annunciato in anticipo rispetto al WWDC 2015 i prodotti compatibili con HomeKit il sistema domotico della casa èrpdittroce di Iphone e Ipad.
A partire da tablet e smartphone sarà possibile governare la propria casa in un sistema di integrazione domotica marchiato Apple.

Apple Homekit: la domotica al comando di Siri

Attraverso il sistema di riconoscimento vocale Siri si potranno avviare numerose funzioni nella propria casa, come l’accensione, l’abbassamento e lo spegnimento delle luci, l’impostazione della temperatura, l’accensione di diversi elettrodomestici, ma anche l’avvio di programmi pre-impostati come uno scenario di luci e temperatura per le feste, la cena o per andare a dormire.

Apple Homekit: i primi dispositivi domotici

Tra i primi dispositivi domotici annunciati per Homekit troviamo il Caséta Wireless Lighting Starter Kit with Smart Bridge di Lutron composto da due attenuatori di lampadine per spegnere e regolare le luci.
La smartplug di iHome ovvero un interruttore wirless che collegato agli elettrodomestici ci permetterà di sapere se sono accesi, spenti e di regolarne spegnimento e accensione.
Eve ha invece messo sul mercato Elgato, una linea di elementi domotici che hanno il compito di analizzare l’aria per monitorarne la qualità e la presenza di fumo, ma anche l’umidità, la pressione atmosferica e i consumi idrici ed energetici.
Infine Ecobee ha presentato un termostrato per controllare latemperatura della casa con Siri, per cui al solo comandamento “Siri, sto andando a dormire” verranno spente luci e termosifoni.

La Apple punta sulla sicurezza per la domotica

Apple ha avuto anche la preoccupazione di mantenere la casa sicura e al riparo da hacker che potrebbero così non entrare solamente nei nostri dispositivi elettronici, ma anche nelle nostre case! Per questo motivo Apple ha previsto un sistema di certificazione il quale deve necessariamente passare da un livello protetto del sistema operativo.

Pubblicato il 3 luglio 2015
Categoria: News

Lascia un commento


wpDiscuz

Richiedi Informazioni