header progetto singolo

News


Arredare in stile industriale, consigli utili

Lo stile industriale è ormai ampiamente utilizzato nelle case degli italiani. Nato negli Stati Uniti a partire dalla metà degli anni ’50, lo stile industriale si sviluppa come risposta alla vita di tutti i giorni, sempre pià dinamica e movimentata, e richiama in maniera evidente il mondo delle fabbriche e gli studi degli artigiani.

Stile industriale significa legno e metallo, abbinati per creare mobili e complementi d’arredo che ben si adattano al gusto del contemporaneo e del moderno. Mobili e complementi d’arredo che amano i grandi spazi, come i loft, ma non disdegnano anche ambienti più piccoli. I colori che dominano sono il bianco e il nero, che vengono sfumati nella gamma dei grigi e dei marroni.

Tra i complementi d’arredo in stile industriale troviamo oggetti in legno, orologi con meccanismo a vista, scaffali, specchi, sedute e lampade. Il tutto deve richiamare un oggetto riutilizzato e riadattato con lo scopo di far rifiorire del materiale grezzo e non più utilizzato.

I mobili possono richiamare casse ammassate su vecchie banchine dei porti e l’importante è che siano realizzati con materiali di recupero. I tavoli sono in ferro o in ghisa, mentre i divani e le poltrone saranno in pelle, possibilimente invecchiata. I rivestimenti per i cuscini, le sedie e le poltrone o i tessuti utilizzati per le tende devono essere evocativi.

L’imperativo è comunque questo: tutto deve avere un aspetto vissuto. Il metallo invecchiato fa da padrone e trova un abbinamento perfetto con le pareti che (dove possibile) dovrebbero essere grezze. Di metallo sono le sedie, abbinate a un tavolo grezzo in metallo e legno. Quel tocco in più, sicuramente bizzarro, sono le sedie da cinema da mettere all’ingresso o in un altro punto della casa dove non ci si aspetterebbe di trovare una seduta così originale.

Infine, qualche consiglio utile:

  • evitare di inserire troppi oggetti (ogni oggetto deve essere abbinato alla perfezione con l’altro);
  • non esagerare con i colori e i materiali (per il grezzo bisogna fare una scelta tra legno, pietra e metallo);
  • scegliere mobili che siano costruiti bene e siano di qualità;
  • inserire un unico elemento che si discosta da tutto il resto (per forma, colore o materiale).

Devi ristrutturare il tuo appartamento? Richiedi subito un preventivo gratuito!

Pubblicato il 28 aprile 2017

Leave a Reply

Commenta per primo

avatar
wpDiscuz