Reimposta password

header_image
Your search results

NEWS


Agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni: verso la proroga nel 2016

Le agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni ed il bonus mobili hanno dato negli ultimi anni una sferzata positiva ad un settore fortemente colpito dalla crisi come quello dell’edilizia. L’importanza di questo strumento è stata più volte riconosciuta dai diversi governi che si sono susseguiti al comando del nostro paese attraverso proroghe ed ampliamenti.
Sembra che anche l’attuale governo voglia muoversi in questo senso prolungando le agevolazioni per tutto il 2016.

La voce arriva proprio dal premier Matteo Renzi che a Rimini ha incontrato Roberto Snaidero il presidente di Federlegnoarredo e gli ha assicurato che il governo è intenzionato a prorogare il bonus mobili e gli sgravi Irpef per le agevolazioni fiscali e per l’efficientamento energetico.

Le normative vigenti infatti prevedono la possibilità di detrarre dall’imposta Irpef fino al 50% delle spese sostenute per ristrutturazioni edilizie di abitazioni per un massimo complessivo di 96.000 euro, del 65% per lavori di riqualificazione energetica di un immobile e di usufruire di un Bonus Mobili del 50% per elettrodomestici ad efficienza energetica e mobili acquistati contestualmente ad una ristrutturazione edilizia. Tuttavia tali agevolazioni sono applicabili su lavori effettuati entro il 31 dicembre 2015, data dopo la quale dovrebbe entrare in vigore la normativa in termini di agevolazioni che le fissa al tetto del 36% per le detrazioni.

A quanto pare non si sarebbero levate obiezioni alla proroga delle agevolazioni ne dalla task force sulla spending review che seppur vuole recuperare 1,3 miliardi non pare puntare ad un taglio degli incentivi sull’edilizia, né dal ministro dell’Economia che ha condiviso il successo di questo strumento.

Il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio ha posto già la questione di una possibile proroga delle agevolazioni nel 2016, ma anche un allargamento dei beneficiari per ottimizzare i successi economici dati proprio da questo strumento. Potrebbe infatti essere possibile estendere le agevolazione ai crediti di imposta, agli alloggi popolari, e novità molto interessante ammettere al bonus mobili anche chi va in affitto.

Su questo punto infatti il ministro ha puntualizzato: «Se la vediamo dalla parte del cittadino e in particolare di una giovane coppia che vuole mettere su casa e famiglia suona quasi come una beffa che possa utilizzare lo sconto solo chi è proprietario di un’abitazione perché nella gran parte dei casi un giovane che ha più bisogno di essere sostenuto comincerà il suo percorso andando in affitto».

Infine per quanto riguarda le agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica oggi al 65% degli edifici tali sgravi mostrano benefici a diversi livelli: in primis ovviamente per il cittadino, in secondo luogo aiutando l’economia ed il settore dell’edilizia, ma anche e soprattutto contribuiscono attivamente a un miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici delle nostre città riducendone così consumi, emissioni ed inquinamento.

Pubblicato il 27 agosto 2015
Categoria: News

Lascia un commento


wpDiscuz

Richiedi Informazioni